Giacca Emmanuel

Descrizione
Giacca brigata di cucina.

Dettagli

  • Giacca con bottoni a pressione.
  • Taschino sul petto.
  • Taschino portapenne sulla manica.
  • Inserti in rete.
  • Due spacchetti sul retro.

Colori
Nero/bianco.

Composizione
Nero: 50% lyocell 50% poliestere.
Bianco: 50% lyocell 50% poliestere.

Categoria: , SKU: 17P08G957

Descrizione

Composizione
Nero: 50% lyocell 50% poliestere.
Bianco: 50% lyocell 50% poliestere.

Informazioni aggiuntive

Categoria

Giacche da uomo

Possibilità di personalizzazione

1- RICAMO: Tra le varie tecniche di personalizzazione, quella con ricamo è la più longeva.
Un ricamo, se realizzato con i giusti filati, non si rovina né con in tempo né con i continui lavaggi.
Per personalizzare una divisa utilizzando questa tecnica, è necessario impostare prima il soggetto da ricamare (logo, nome, icona, disegno, ecc.) e poi avviare la lavorazione.

Ma attenzione!
Diffida da chi utilizza programmi preimpostati, perché il ricamo finale avrà una qualità molto bassa: i tratti del logo ricamato non saranno ben definiti e il risultato finale sarà di pessima qualità.

Assicurati, piuttosto, che il tuo fornitore di abbigliamento da lavoro personalizzato sia un professionista del ricamo. Solo così il logo risulterà ben definito e i filati non tenderanno a sbiadire o a macchiare.

È possibile personalizzare ogni tipo di capo con il ricamo?
Esiste un limite: i loghi con ombreggiature e dettagli molto piccoli – se ricamati – non avranno un buon effetto. Ma non preoccuparti per questo: sono il tuo consulente e sarà compito mio suggerirti la tecnica di personalizzazione migliore per la tua divisa.

2- STAMPA DIGITALE: Consiglio di optare per la stampa digitale su tessuti naturali, non poliestere, 
bianchi o molto chiari, oppure neri o molto scuri. Funziona pressoché così: si utilizza un file di stampa e si applica quell’immagine/disegno/logo/scritta così com’è riportata nel file, negli stessi identici colori.

È possibile personalizzare ogni tipo di capo con la stampa digitale?
Sì, l’importante è che il colore dei capi tenda al bianco oppure al nero, perché solo così i colori previsti nel file non vengono alterati e si mantengono come sono.

Nel caso di più colori (come nel caso delle stampe fotografiche) il tessuto deve essere rigorosamente bianco.

3- STAMPA IN TRANSFER: Prevede l’utilizzo di un materiale termoadesivo che viene poi applicato a caldo sul tessuto.
Con la stampa in transfer non hai alcun limite: puoi stampare qualunque tipo di immagine che, prima di essere applicata sul tessuto, viene ritagliata con lame sottili e successivamente sottoposta a pressa.

Ma attenzione!
È una tecnica perfetta per la personalizzazione di piccole quantità di capi, ma diventa più dispendiosa quando i pezzi da personalizzare aumentano.

È possibile personalizzare ogni tipo di capo con la stampa in trasnfer?
Sconsiglio sempre di optare per la stampa in transfer quando i tessuti sono impermeabili: il collante non aderisce perfettamente e la stampa può venire via o rovinarsi già dopo qualche lavaggio.

Va detto anche che trattandosi di applicazioni in plastica, se i capi sono molto leggeri (come nel caso delle t-shirt) potrebbero incentivare una maggiore sudorazione.

4- STAMPA DA PLOTTER: In questo caso, la stampa avviene tramite l’applicazione di un materiale termoadesivo. 
Prima, con una lama, viene sagomata la stampa su materiali diversi, come fogli sottili laminati, fogli sulla cui superficie è presente da una parte una polvere glitter, laminati luci o opachi, flock.
Poi, sull’altro lato del supporto viene applicata la colla che – sottoposta a calore e pressione – si scioglie e aderisce al tessuto sottostante.

È possibile personalizzare ogni tipo di capo con la stampa da plotter?
Si tratta di stampe monocromatiche, vantaggiose per le piccole quantità e dispendiose per pezzi più numerosi.

Anche in questo caso, trattandosi di materiale adesivo, sconsiglio di optare per la stampa da plotter sui tessuti impermeabili. Ovviamente anche in questo caso la qualità del materiale utilizzato diventa fondamentale per la durata dell’applicazione.

5- STAMPA SUBLIMATICA: La stampa per sublimazione, o stampa sublimatica, avviene tramite inchiostro e carte particolari. Tutto parte dal file contenente il soggetto da stampare
Ma attenzione!
È fondamentale che i file di stampa vengano inviati in altissima definizione specie nel caso di immagini fotografiche.

È possibile personalizzare ogni tipo di capo con la stampa sublimatica?
La stampa sublimatica è utilizzata esclusivamente su tessuti sintetici in fibra di poliestere e di colore bianco.
Il mio consiglio è di optare per la stampa sublimatica quando i pezzi da personalizzare sono in grosse quantità, in modo da abbattere i costi imposti dalla stampa.

6- STAMPA SERIGRAFICA: La stampa serigrafica è la tecnica perfetta per la riproduzione di immagini su qualunque materiale (legno, plastica, vetro, sughero, ecc.).
Tutto parte da un modello (o pellicola) che, preso come esempio, ci consente la ripetizione (anche per migliaia di volte) della stessa stampa, senza alcuna lacuna nella definizione.

Ma attenzione!
Per la stampa serigrafica si utilizzano vernici ad acqua che con il tempo e con i ripetuti lavaggi può anche perdere di brillantezza. L’importante è che il disegno/logo/fotografia resti sempre e comunque visibile.

È possibile personalizzare ogni tipo di capo con la stampa serigrafica?
La risposta è ‘sì’, ad eccezione dei tessuti impermeabili che – anche in questo caso – non consentono una perfetta aderenza dell’incontro sul tessuto di supporto.
Riguardo ai costi invece, il mio consiglio è di optare per la stampa serigrafica quando i pezzi da personalizzare sono tanti, così da abbattere i costi di realizzazione della pellicola.